.
Annunci online

 
cobainmurder 
L'improbabile suicidio di Kurt Cobain
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca


 
VISITATE IL BLOG DI SPLINDER


 JUSTICE FOR KURT !!!

 








 

Diario |
 
Diario
1visite.

30 luglio 2006


Kurt Cobain : suicidio o omicidio?

Perchè il caso della morte di  Kurt Cobain dovrebbe essere riaperto



8 aprile 1994: il corpo senza vita di Kurt Cobain viene ritrovato nella sua casa di Seattle, a Lake Washington, ucciso da un colpo d'arma da fuoco inferto da un fucile, un Remington calibro 20, trovato appoggiato sul petto del cadavere.
Il corpo viene ritrovato da un elettricista, Gary Smith, alle 8:56 del mattino. L'operaio lavorava per la Veca Electric ed era stato incaricato di installare un antifurto alla proprietà dei Cobain. Il cadavere si trovava vicino alla finestra della stanza costruita sopra il doppio garage, la "Greenhouse", la serra.
Gary Smith pensa inizialmente si tratti di un manichino, ma si avvicina (trovandosi in piedi a una scala) e scorge il sangue dall'orecchio. Chiama la polizia e, ovviamente una radio locale di Seattle. La notizia si diffonde, arriva fino a Mtv News (sarà Kurt Loader a darne l'annuncio).
Una lettera, a quanto dice la stampa "indirizzata alla famiglia, agli amici e ai fan", viene trovata nella stanza. Si parla immediatamente di suicidio.

Questi fatti li conoscono tutti, tutti sanno che Kurt Cobain si è sparato in bocca, si è suicidato.

 Ma è andata veramente così?


L'opinione pubblica è stata condizionata da una tempesta di notizie errate, false e incomplete.


Ciò che più spaventa, è che perfino la polizia, il Seattle Police Department (SPD), ha preferito dare ascolto a voci di corridoio ed a certe notizie che già PRIMA DELLA MORTE DI KURT COBAIN facevano apparizioni sulla stampa americana.


Tom Grant

Un investigatore privato di Los Angeles, Tom Grant, ex sceriffo, ingaggiato il 3 aprile 1994 da Courtney Love per ritrovare Kurt (scappato dalla clinica di disintossicazione Exodus a Marina del Rey, California il 1° marzo), è insospettito da strani atteggiamenti sia da parte delle persone coinvolte nel caso, sia da alcuni elementi oscuri che piano piano emergono. La polizia di Seattle indaga solo per tre ore dal ritrovamento del corpo. Dopo, afferma che si tratta di un suicidio. Insoddisfatto dall'incompetenza del SPD e sempre più convinto che qualcosa nell'intera faccenda è poco chiaro, decide di investigare ancora. L'8 maggio 1994, un mese dopo il ritrovamento, Grant informa Courtney Love che non è più sua cliente. Molti dei sospetti che aveva durante i giorni successivi l'8 aprile si sono rivelati fondati, ammette apertamente di volere investigare sulla morte di Kurt Cobain. Perché si tratta di omicidio.

 GLI ELEMENTI PRINCIPALI CHE VENGONO TENUTI NASCOSTI DAI MEDIA:

 

  • E' risaputo che Kurt stava per lasciare Courtney, chiedendo il divorzio. L'evento era nell'aria, e comprendeva anche il cambiamento del testamento di Cobain: Courtney lo sapeva benissimo dato che, in base alla testimonianza dell'ultima baby-sitter ingaggiata dalla coppia per la figlia Frances, in casa non si parlava d'altro. Courtney aveva già contattato alcuni dei suoi procuratori perché trovassero per lei "il più feroce, cattivo avvocato divorzista" per affidare a lui la causa che Kurt intendeva presentare. Ma con un divorzio, avrebbe ottenuto nel migliore dei casi la metà del patrimonio di Kurt, che nel 1994 valeva ormai svariati milioni di dollari: inoltre Kurt avrebbe chiesto sicuramente di tenere con sé Frances.

 

  • Il fucile che ha ucciso Cobain e che è stato ritrovato sulla scena del crimine, fu acquistato prima della sua fuga dalla clinica (1° aprile). La ricevuta riporta la data di acquisto, ovvero il 30 marzo. Kurt andò a prenderlo insieme all'amico Dylan Carlson, il quale lo acquistò per lui dato che su Cobain pendeva una restrizione contro le armi da fuoco (nei prossimi post verrà spiegato perché). Dylan afferma che Kurt intendeva avere un'arma (dopo il sequestro di quelle già in suo possesso) per difendersi da eventuali "ladri". Il fucile era caricato con 4 colpi, dunque ne rimasero 3. Perché un suicida dovrebbe caricare 4 colpi? Evidentemente, era stato realmente caricato a scopo di difesa. Inoltre, non furono trovate impronte digitali leggibili sul fucile: la verifica fu effettuata il 6 maggio 1994, un mese dopo l'apertura del caso. Perché questo ritardo?

 

  • La lettera trovata sulla scena del crimine non è il messaggio di un suicida. I media hanno riportato che  era stata scritta per Courtney Love, moglie di Kurt, e Frances, sua figlia. Ma basta leggerla per rendersi conto che è indirizzata ai fans e che spiega la decisione di Kurt di abbandonare il mondo dello spettacolo. In ogni caso, nell'intera lettera non si fa riferimento a un suicidio: solo nelle ultime 2 righe ("Ti prego Courtney vai avanti, per Frances, per la sua vita che sarà molto più felice senza di me") Kurt fa riferimento alla sua famiglia e al suo suicidio. E guardacaso, le 2 righe in questione sono scritte in un'altra calligrafia (l'esame è stato ripetuto  per conto di Tom Grant diverse volte) e non hanno alcun senso con il resto della lettera, che già di per sé non sembra concludersi.

 

  • La lettera non ha alcun senso perché ne manca un'intera pagina! Una seconda pagina della lettera esisteva, ma Courtney l'ha tenuto nascosto a tutti per diverso tempo. Ha dichiarato a Tom Grant che non si trattava di una vera e propria lettera suicida, ma che non aveva alcun senso e che quindi non era importante. Courtney sostenne di averla trovata sotto le sue coperte del letto, nella camera divisa da lei e da Kurt. La cosa assurda e che questo elemento sfuggì di bocca a Courtney durante un'intervista a Rolling Stone, il 15 dicembre 1994. La polizia è a conoscenza di questo elemento ma non viene menzionato su nessun rapporto. E' inoltre impossibile e dunque falso il luogo del ritrovamento di tale lettera: la notte precedente l'8 aprile, Grant e Dylan Carlson andarono a controllare l'intera casa, e Grant afferma che sul letto, sotto le coperte ecc. non trovarono nulla. La prima e seconda lettera avrebbero avuto senso insieme e avrebbero chiarito che Kurt non aveva intenzione di uccidersi, solo di andarsene da Seattle e da Courtney.

 

  • Qualcuno cercava di usare la carta di credito di Kurt dopo la sua morte. Una delle carte di credito infatti era sparita e non è stata mai ritrovata. Questi tentativi continuarono fino al ritrovamento del suo corpo, l'8 aprile mentre Kurt è deceduto il 5 aprile 1994, presumibilmente tra il pomeriggio e la sera (come è scritto sul certificato di morte).

 

  • NEL SANGUE DI KURT È STATA RILEVATA UNA CONCENTRAZIONE DI MORFINA PARI A 1,52 mg PER LITRO! La dose di eroina richiesta per una concentrazione simile è di 225 mg. ESATTAMENTE 3 VOLTE LA DOSE LETALE, ANCHE PER UN TOSSICODIPENDENTE CON UNA FORTE TOLLERANZA. Se Kurt avesse voluto uccidersi, perché prima farsi con una tale dose di eroina, sicuramente letale , e poi spararsi? Perché spararsi con un fucile, dato che con quel dosaggio sarebbe morto ugualmente? Ma soprattutto, UNA TALE CONCENTRAZIONE DI MORFINA DOVREBBE RENDERE INCAPACE DI FARE QUALSIASI COSA ISTANTANEAMENTE! Come avrebbe fatto Kurt Cobain a imbracciare il fucile, puntarselo in bocca e sparare? Secondo molti medici ciò è impossibile (una sezione di questo blog verrà aperta in proposito, la discussione "DEAD MEN DON'T PULL TRIGGERS" può essere consultata su molti siti tra i quali www.justiceforkurt.com).  Inoltre, nel sangue di Cobain è stato ritrovato anche un altro farmaco, il Diazepam (Valium). (Malgrado quanto potreste leggere, il dott. Colin Brewer non ha affatto provato che la dose assunta da Kurt non ha rilevanza: il soggetto su cui lui si è basato aveva assunto Metadone, non eroina e gli effetti sono dunque diversi.)

           



Questo non è che una minima parte dell'ammontare di prove che Grant ha raccolto in 10 anni di investigazione. Eppure il caso non è ancora stato riaperto, e la faccenda rischia costantemente di essere insabbiata da Courtney Love e dai suoi avvocati, dalla stampa (inconsapevole ma accondiscendente mezzo di disinformazione, uno su tutti MTV) e dalla polizia di Seattle. In Italia tutto questo non è che un discorso oscuro, mai spiegato esaustivamente: l'obbiettivo di questo blog è quello di diffondere tutto quello che si sa alla luce dell'11esimo anno di indagini. La morte di KURT COBAIN deve essere chiarita, malgrado sia ovvio perfino al Seattle Police Dept. che anche con le poche prove raccolte da loro, non si può pensare ad un suicidio.
KURT COBAIN È STATO UCCISO.




permalink | inviato da il 30/7/2006 alle 21:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
  <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6  >>